Banner OpenAccess
Banner Torrossa

«Solamente così si scopre poesia». Gli inizi di Alfonso Traina interprete di Pascoli

Paradisi Patrizia
Articolo Immagine
Rivista:
Rivista Pascoliana
Anno:
2020
Numero:
32
Fascicolo:
Rivista Pascoliana N. 32/2020

Acquisto digitale

Acquista:

€ 14.00

Il contributo ripercorre gli esordi di Alfonso Traina, latinista emerito dell’Università di Bologna scomparso nonagenario nel settembre 2019, come studioso del Pascoli latino. Iniziate negli anni Cinquanta a Padova con la pubblicazione di alcuni articoli per il centenario della nascita del poeta, le sue indagini culminarono nel Saggio sul latino del Pascoli (Padova 19611; aggiornato e ampliato nelle successive edizioni, Firenze 19712; Bologna 20063), strumento ancora oggi imprescindibile per la comprensione di «un poeta che si esprimeva con eguale maestria e con innegabili effetti d’arte in due lingue diverse, una delle quali è una lingua ‘morta’». Si riproduce poi il più significativo di questi articoli di Traina, Aspetti del bilinguismo pascoliano, pubblicato su «Belfagor. Rassegna di varia umanità» nel 1959, nel quale sono già presenti le argomentazioni principali che saranno sviluppate nel Saggio. 

Parole chiave: Alfonso Traina, Giovanni Pascoli, poesia neolatina, bilinguismo, «Belfagor. Rassegna di varia umanità». 

«Only this way you reveal poetry». Alfonso Traina’s beginning as Pascoli’s interpreter 

Alfonso Traina, latinist, Emeritus professor in the Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, deceased nonagerian on september 2019, began to study Giovanni Pascoli as a Latin poet in the fifties, and published his original interpretation in few articles on Pascoli’s birth’s hundriedth anniversary. In 1961 came out the Saggio sul latino del Pascoli (revised in 1971 and 2006), whose focus is poetic bilingualism. This paper introduces the reprint of the most meaningful of Traina’s contributions, Aspetti del bilinguismo pascoliano, first published on «Belfagor. Rassegna di varia umanità» in 1959, where we can already read his new ideas about the poet who wrote his greatest poems in a ‘dead language’. 

Keywords: Alfonso Traina, Giovanni Pascoli, Neolatin poetry, bilingualism, «Belfagor. Rassegna di varia umanità».