Banner OpenAccess
Banner Torrossa

La sperimentazione di un Promotore Pubblico: il BIM e il Project Management per le gallerie profonde. Applicazione al sito di sicurezza di Modane-Villarodin- Bourget della sezione transfrontaliera della nuova linea ferroviaria Torino-Lione

Bruno Mario Rosario Rajevich Alberto Tazza Mario Antonio Osello Anna
Articolo Immagine
Rivista:
Gallerie e grandi opere sotterranee
Anno:
2019
Numero:
130
Fascicolo:
Gallerie e grandi opere sotterranee N. 130/2019

Acquisto digitale

Acquista:

€ 14.00

La metodologia BIM rappresenta oggi una vera e propria sfida all’innovazione nel mondo delle costruzioni. Lo sviluppo di una progettazione integrata multidisciplinare e la conseguente mole di dati rappresentano da un lato un ostacolo da superare perla gestione dei flussi di lavoro, dall’altro un obiettivo da raggiungere per le scelte direzionali del Management. Da qui la necessità di fondere l’innovazione digitale e la progettazione integrata con il mondo del project management. In questa ottica la funzione PCP (Pianificazione e Controllo Progetti) del promotore pubblico TELT ha ritenuto strategico simulare un flusso di lavoro, seppure semplificato, capace d’integrare il mondo della progettazione con quello della gestione tramite l’analisi costi/tempi. L’architettura di progetto basata sulla tecnica della WBS ha permesso l’aggregazione della massa dati presente in un progetto composito, mentre l’analisi dell’interoperabilità e della condivisione informativa, hanno messo in luce le criticità da superare per attuare in toto la metodologia BIM.

Project Management for deep tunnels. Application at the Modane-Villarodin-Bourget security site of the cross-border section of the new Turin-Lyon rail link

Nowadays, the BIM methodology represents a real challenge to innovation in the construction world. The development of a multidisciplinary integrated planning and the consequent amount of data is, on the one hand, an obstacle to overcome in managing the workflows and, on the other hand, a goal that Management choices must strive to achieve. This is why we need to merge digital innovation and integrated planning together with the project management world. In this perspective, the PCP (Planning and Project Control) function of the public promoter TELT has recognised the importance of modelling a workflow, even if simplified, capable of integrating, through a time and cost analysis, the design world with that management. The WBS technique on which the project structure is based has allowed the fusion of the data volumes within a composite project, while the interoperability and information sharing analysis have highlighted which critical issues need to be overcome in order to fully implement the BIM methodology.